IMU: VERSAMENTO SALDO ENTRO IL 16 DICEMBRE

Il 16 dicembre p.v. scadrà il termine per il versamento del saldo IMU per l'anno 2015.

Le aliquote deliberate per l'anno 2015 sono le stesse per l'anno precedente. In allegato la delibera consiliare di approvazione.

Per il conteggio il contribuente potrà utilizzare lo strumento del Calcolo IUC che risulta aggiornato ed agevolmente utilizzabile per l'inserimento dei dati e la predisposizione del modello F24; la procedura rilascia altresì  un prospetto riepilogativo dei conteggi.

CHI DEVE PAGARE L’IMU
L'imposta è dovuta dai proprietari di immobili e dai titolari di diritti reali (usufrutto, uso, abitazione, superficie, enfiteusi).
QUALI SONO GLI IMMOBILI SOGGETTI ALL’IMU
Gli immobili soggetti all'IMU sono:
- I fabbricati diversi dall’abitazione principale;
- Le abitazioni principali solo se rientranti nelle categorie catastali A1, A8 e A9 e relative pertinenze;
- Le aree fabbricabili.
QUALI SONO GLI IMMOBILI ESCLUSI DALL’IMPOSTA
Sono esclusi dall'imposta:
- le abitazioni principali rientranti nelle categorie catastali A2, A3, A4, A5, A6, A7 (per abitazione principale si intende quella nella quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente);
- i fabbricati rurali strumentali;
- i terreni agricoli.
NOVITÀ PER L’ANNO 2015
ESENZIONE IMU PER I CITTADINI ISCRITTI ALL'AIRE PENSIONATI NEI PAESI DI RESIDENZA
Dall’anno 2015 è considerata “adibita ad abitazione principale” una ed una sola unità immobiliare, posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, dai cittadini Italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE), già pensionati nei rispettivi paesi di residenza. L’abitazione non deve risultare locata o data in comodato d’uso. Per usufruire dell’esenzione è necessario compilare e riconsegnare al Comune il modulo di richiesta, disponibile in allegato.

COME SI CALCOLA L’IMPOSTA
L’imposta si calcola applicando alla base imponibile l’aliquota relativa alla situazione dell’immobile

I dati necessari per predisporre il conteggio sono:

·                     la categoria catastale

·                     la rendita catastale

·                     la quota di proprietà (o usufrutto, uso, diritto abitazione, superficie, enfiteusi)

·                     mesi di possesso nell'anno

BASE IMPONIBILE
La base imponibile si calcola nel seguente modo:
- per i fabbricati è data dalla rendita catastale aumentata del 5%. Il risultato va poi moltiplicato per coefficienti previsti dal D.L. 201/2011 che sono i seguenti:

·                     Immobili categoria A, C2, C6, C7 eccetto A10:    160

·                     Immobili categoria D eccetto D5:    65

·                     Immobili categoria A10:    80

·                     Immobili categoria C1:    55

·                     Immobili categoria D5:    80

·                     Immobili categoria B, C3, C4 e C5:    140

- per le aree fabbricabili è data dal valore venale in comune commercio al primo gennaio dell’anno di imposizione (vedi relazione sul valore delle aree edificabili allegato)
 
Sono esclusi dall’imposta i fabbricati rurali strumentali e i terreni agricoli.

VERSAMENTI
L'imposta a saldo deve essere versata esclusivamente utilizzando il Modello F24 presso gli sportelli bancari, gli uffici postali o le rivendite di tabaccai autorizzati al servizio di pagamento IMU (in questo ultimo caso è necessario esibire la tessera sanitaria/codice fiscale del contribuente).
Il termine previsto per il versamento del saldo è  entro il 16 dicembre 2015.

Il versamento non deve essere effettuato se l’imposta annua da versare risulta inferiore a 5,00 euro.

MODALITÀ DI VERSAMENTO DELL’IMU DA PARTE DEI CITTADINI RESIDENTI ALL’ESTERO
Bonifico preso la CASSA DI RISPARMIO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA - Sede di Udine

Codice IBAN IT 56 G 06340 12315 06708091090B

Codice BIC IBSPIT2U

 
 “CODICE ENTE”   D719  (FORNI DI SOPRA)

CODICI DA INDICARE SUL MODELLO F24  “CODICI TRIBUTO”

3916 IMU Comune per le aree fabbricabili

3918 IMU Comune per gli altri fabbricati

3925 IMU Stato per immobili gruppo D al 0,76%

3930 IMU Comune per immobili gruppo D incremento Comune** (con il codice 3930 va indicata solo la differenza tra quanto dovuto ad aliquota pari allo 0,76% e quanto dovuto ad aliquota deliberata dal comune. Tale incremento rimane tutto al comune, in quanto allo Stato va solo il gettito calcolato allo 0,76%).